sabato 1 novembre 2008

EQUIPAGGIO DELLA FLOTTA

La maggior parte di un equipaggio della nave era formato da vogatori. Nonostante la percezione popolare, la flotta romana fondava tutta la sua esistenza sulla presenza di vogatori di stato libero, e galeotti, solitamente non messi a remi, eccetto nei momenti di pressanti richieste di manodopera o di estrema urgenza, e anche allora, sono stati impiegati dopo che era stato liberato. In età imperiale i cittadini non nati liberi, provenienti da provincie di tradizione navale (Greci, Fenici, Egizi e Siriani), costituivano la maggior parte degli equipaggi.

ALTI COMANDANTI
Ogni nave era comandato da un trierarchus, mentre squadroni sono stati messi sotto una nauarchus, che spesso sembra essere promosso dai ranghi del trierarchi. La carica di nauarchus princeps apparve in seguito, durante il periodo imperiale, e ha funzionato come un comandante di diversi squadroni. Solo nel 3 ° secolo questi ranghi sono stati equiparati ai centurioni della Legione; avrebbero così potuto essere trasferiti nelle legione nello stesso ruolo.

ALTO COMANDO
Durante la Repubblica, il comando di una flotta era dato a un console o a un pretore.
Durante le Guerre Puniche il grado di Praefectus Classis ( "prefetto della flotta") apparve per la prima volta. Inizialmente subordinato al magistrato di comando, dopo la riorganizzazione della flotta operata da Augusto, il prefetto della flotta divenne il comandante in capo permanente della flotta. Tuttavia, i prefetti sono rimasti in gran parte nomine politiche, e nonostante la loro esperienza militare, di solito al comando di unità ausiliarie la loro conoscenza delle questioni della flotta era minimo, costringendoli a fare affidamento su i loro subalterni che erano soldati e militari di professione.